Minus and Plus

The first Art Toys made in Italy

Personal Project

FacebookTwitterPinterestLinkedIn
Una nuova espressione dell’arte contemporanea tanto che qualcuno li paragona a sculture moderne, veri e propri pezzi d’arte che nascono dalle menti intuitive della street art e urban art, a metà tra cultura moderna e collezionismo in edizione limitata. Questa la definizione che più caratterizza gli URBAN TOYS, stravaganti pupazzi in vinile per adulti, che assomigliano a dei giocattoli ma che sono a tutti gli effetti degli oggetti da collezione. Gli URBAN TOYS nascono, infatti, come pupazzetti in plastica senza alcuna utilità, ma con l’obiettivo di liberare la fantasia dei migliori digital designer di tutto il pianeta. Il “designer toy movement” è, dunque, uno degli ultimi fenomeni di costume a livello mondiale, che trova le sue origini a Hong Kong e che in breve tempo ha invaso l’America e l’Europa, coinvolgendo artisti, art director e grafici. Obiettivo comune è quello di originare forme d’arte spontanee, sintesi dell’unione che si crea tra gioco e creatività, interessando in alcuni casi il designer fin dall’inizio e in altri per interpretare soltanto un prodotto già esistente.
Services

Concept, Design
Le versioni di urban toys sono molteplici e per aggiudicarsi i vari esemplari si ricorre alle aste, alle gallerie d’arte, ai siti Internet e agli atelier di design e moda. Questo è il caso di LAB81, una giovane agenzia di pubblicità specializzata nello sviluppo di comunicazione d’impresa che, con provata sensibilità verso tutto quello che è avanguardia, si innamora del fenomeno tanto da volerne essere ben presto protagonista. LAB81 crea, infatti, i primi toys made in Italy con lo scopo di valorizzare i prodotti italiani nel mondo del “design toy movement”, scegliendo il FUORI SALONE 2008 per il loro lancio.

I due personaggi, “Minus” e “Plus”, figli dei designer Valentino Bedini e Diego Pacenti, sono prodotti interamente in Italia, da industrie specializzate nella produzione di materie plastiche in PVC, in vari colori. La loro struttura, il loro peso, il materiale con cui sono costruiti, li rendono toys molto speciali: al tatto sono piacevoli, lontani dell’idea di plastica dura, esprimono solidità e consistenza. Il design è di primo ordine, la giocosità tipica del toy si mescola con una sostanziale dose di gusto italiano. Le linee morbide sono bilanciate da decisi particolari per un equilibrio sopraffino che racchiude un significato che va oltre il bene e il male.

“Minus” non è il cattivo: tra le sue caratteristiche c’è una decisa dose di grinta alimentata da un’innaturale voglia di competere. Lui gioca sempre e solo per vincere. “Plus” è dolce e molto tenero, la sua forza è racchiusa nella sua disponibilità: lui gioca per passione. I due toys possono essere customizzati dagli artisti della street art, dai fashion designer e da chiunque abbia voglia di esprimere la propria creatività sotto questa nuova forma di comunicazione visiva.